INCREDIBILE, SCOPERTO IL PRIMO INSEDIAMENTO ETRUSCO IN SARDEGNA: ECCO DOVE

Una scoperta sensazionale è emersa nel corso di una revisione dei ritrovamenti negli scavi degli ultimi anni della Soprintendenza per le province di Sassari e Nuoro, che non escludono la possibilità che ci siano altri insediamenti della prima età del ferro in Gallura, regione che fronteggiava l’Etruria.  

L’insediamento etrusco – il primo della storia scoperto nell’Isola – è stato rinvenuto sull’isolotto di Tavolara, quindi nei pressi di Olbia. Il ritrovamento è risalente al IX secolo a.C.  “Gli scambi tra la Sardegna ‘nuragica’ e l’aspetto culturale della prima età del ferro dell’Etruria, periodo detto ‘villanoviano’ sono ben noti e ampiamente studiati, ma finora non era documentata la presenza di una comunità proveniente dalla sponda etrusca stanziata e prosperata in Sardegna” ha spiegato il Soprintendente di Sassari e Nuoro, Francesco di Gennaro, aggiungendo “si tratta quindi di una novità assoluta che costituisce un balzo in avanti nella ricostruzione dei rapporti tra le due sponde del Tirreno in epoca protostorica”.

I risultati degli scavi sono in corso di edizione da parte dello stesso Soprintendente Francesco di Gennaro con il responsabile di zona Rubens D’Oriano e Paola Mancini, che li ha materialmente condotti nel 2011 e nel 2013, dopo il ritrovamento di cocci affioranti da parte di Giuseppe Pisanu.  

Dal ritrovamento, gli esperti non escludono dunque che possano esserci altri insediamenti villanoviani, ovvero della prima età del ferro, soprattutto in Gallura, in quella parte di costa della Sardegna che fronteggiava l’Etruria e i suoi grandi centri come Populonia, Vetulonia, Vulci, Tarquinia.  Non solo, da un primo esame, è stata rivelata una notevole corrispondenza tra alcuni oggetti provenienti dall’insediamento di Tavolara e le località della bassa Toscana e dell’alto Lazio, dove gli Etruschi vivevano. Si tratta di un dato molto importante che conferma le navigazioni delle popolazioni che vivevano sulle coste dell’Etruria tra il IX e VIII secolo a. C.

 

Rispondi