IL RAGNO VIOLINO NON UCCIDE!!! ECCO IL COMUNICATO CHE CHIARISCE TUTTO

Il 45enne cagliaritano, Massimiliano Stara, non è deceduto a causa della puntura di un ragno violino

Lo avevano già fatto sapere dall’ospedale Santissima Trinità ma, come al solito, la maggior parte dei mass media hanno fatto finta di capire solo la parte della storia che a loro più conveniva e che ha portato più click, cioè che l’uomo era morto per la puntura del ragno. E via con i soliti allarmismi, articoli su articoli sulla pericolosità di questo ragno, diffusione di paura tra la gente abituata ormai a condividere di tutto e a credere ad ogni cosa proveniente dalla rete. 

Ebbene, sappiate che Massimiliano Stara non è deceduto a causa della puntura del ragno violino. Questa specie non è così pericolosa e noi, per fare chiarezza, pubblichiamo la nota diffusa dall’Associazione Italiana di Aracnologia, che chiarisce bene come questo ragno non sia aggressivo o pericoloso. Ecco la nota:

A seguito delle confuse e allarmanti notizie riguardanti la morte del Sig. Stara e delle numerose mail ricevute da preoccupati cittadini, vorremmo cercare di fare definitivamente un po’ di chiarezza.
Negli articoli diffusi in queste ore si fa riferimento ad un morso di Loxosceles rufescens, (il famigerato “ragno violino”) come causa del decesso dell’uomo.

Questa specie, diffusissima su tutto il territorio nazionale e presente nelle abitazioni, ha un veleno citotossico che solitamente causa un eritema, anche ampio, nella zona colpita. Raramente si hanno lesioni necrotiche, di dimensioni modeste e localizzate, che in casi particolari possono necessitare di attenzioni mediche significative e durature.
Questa sintomatologia però non è specifica del morso di Loxosceles in quanto necrosi simili si possono presentare in casi di punture di altri artropodi o a seguito di infezioni batteriche cutanee. Ciò rende impossibile stabilire a posteriori la causa di tali lesioni e molto spesso casi riportati come morsi di ragno violino si rivelano in realtà causati da altri fattori.
Nonostante la sua ampia diffusione infine, stiamo parlando di un ragno estremamente schivo e assai poco aggressivo, tanto che i casi di morso accertato in Italia si contano in poche unità all’anno. In nessuno di questi il paziente ha rischiato di perdere la vita.

Dalle informazioni divulgate sulla morte del sig. Stara ci sono molti elementi che porterebbero ad escludere il morso di ragno violino come causa del decesso dell’uomo: le tempistiche e la vasta sintomatologia ad esempio non sono compatibili, inoltre le ultime notizie arrivate dall’ospedale Santissima Trinità e le dichiarazioni dei familiari, a cui porgiamo le nostre condoglianze, sembrano appoggiare questa infondatezza.

Possiamo quindi affermare che ancora una volta viene utilizzata l’atavica fobia nei confronti dei ragni per confezionare titoli accattivanti in grado di attirare qualche click in più, diffondendo disinformazione e creando infondate paure nei lettori, dimostrando nel contempo una mancanza di rispetto e discrezione che sarebbe quanto mai opportuna nei confronti di una persona prematuramente deceduta.

Per chiunque abbia qualche dubbio o richiesta di approfondimento, siamo sempre a disposizione! www.aracnofilia.org