SARDINIA REGGAE FESTIVAL, 1-4 AGOSTO 2013. ECCO IL PROGRAMMA!

Con il pre-festival di ieri ha preso il via la sesta edizione del SARDINIA REGGAE FESTIVAL, che da oggi fino a domenica 4 agosto animerà con tanta bella musica il paese di Cargeghe, in provincia di Sassari. Tante band, provenienti da tante parti del mondo, naturalmente molte dalla Giamaica, insieme a varie band sarde, daranno vita a uno spettacolo unico di musica reggae e buone vibrazioni. Organizzato dall’associazione Sardinia Reggae, ecco il programma del Festival.

Ecco le band e l’ordine con cui saliranno sul palco:

SardiniaReggaeFestival

Per tutte le informazioni questo è il sito internet dell’evento: www.sardiniareggae.com

VILLAGGIO TURAS

Golfo di Bosa

BANNER TURAS

3 thoughts on “SARDINIA REGGAE FESTIVAL, 1-4 AGOSTO 2013. ECCO IL PROGRAMMA!

  1. CAPLETON ARRIVA AL SARDINIA REGGAE FESTIVAL 2013

    Al Sardinia Reggae Festival arriva Capleton, uno degli artisti di punta del panorama reggae mondiale, capace di distinguersi e primeggiare per il suo messaggio di odio verso gay e lesbiche e boicottato per questo in tutta Europa!!!
    Solo per fare qualche esempio, Capleton canta versi come «sodomiti e gay, io gli sparo… whoa», oppure «brucia il gay, fai vedere il sangue al gay», e ancora, «yow, legateli e impiccateli vivi / di tutti i gay che girano qua intorno / la madre terra dice che nessuno può sopravvivere».
    Per saperne di più potete andare in questo link.
    In un paese dove la violenza e l’intolleranza nei confronti di gay, lesbiche e trans è all’ordine del giorno, la presenza di un cantante omofobo come Capleton non è tollerabile. A solo un mese di distanza da manifestazioni importanti per la nostra Isola, come Diritti al Cuore ed il primo Sardegna Pride, dove fra le istanze condivise c’erano diritti civili e fine delle violenze sessiste, omo-transfobiche e razziste, dobbiamo apprendere che la Sardegna si ritrova ad ospitare un personaggio come Capleton, NOI NON CI STIAMO:

    BOICOTTA CAPLETON!
    BOICOTTA LA MUSICA SESSISTA E OMOFOBA!

    Un rapporto di Amnesty International datato 17 maggio 2004, a proposito di
    un concerto reggae svoltosi in Giamaica nello stesso anno, denuncia che sia
    Capleton che altre reggae star stanno minacciando di uccidere i gay: «Durante
    il corso della serata, Capleton, Sizzla e altri, hanno cantato quasi
    esclusivamente liriche sui gay. Usando il termine dispregiativo per gay ­
    «chi chi men» o «batty bwoys» ­ hanno esortato il pubblico ad «ucciderli, i
    batty bwoy devono morire, colpi di pistola sulle loro teste, chiunque voglia
    vederli morti, alzi le mani».
    Il 13 giugno 2007 l’associazione inglese Outrage! ha diffuso la notizia che tre dei principali cantanti reggae/dancehall hanno rinunciato all’omofobia e condannato la violenza contro gay e lesbiche, firmando un accordo denominato “Reggae Compassionate Act”, in cui Sizzla, Capleton e Beenie Man dichiarano tra l’altro: «concordiamo di non cantare testi e suonare canzoni che incitino all’odio o alla violenza contro chiunque, di qualsivoglia comunità».
    L’establishment del business musicale preoccupato dalla diffusione internazionale delle campagne di boicottaggio e soprattutto di salvaguardare i suoi profitti (visto che alcuni sponsor cominciavano a farsi indietro) è corso ai ripari imponendo il “compassionate act”, un capolavoro di buonismo ipocrita dove gli stessi cantanti che fino al giorno prima esprimevano il loro odio omofobico e sessista si impegnavano a diffondere un messaggio di pace e amore. Un espediente per mettere a posto le coscienze dei business-men e di tutti gli ingenui che così potranno ancora acclamare i loro idoli. Inutile aggiungere che il “compassionate act” è stato ripetutamente violato in molti concerti. Per maggiori info leggi qua.

    Il Sardinia reggae Festival si propone così:
    “I motivi che hanno spinto le due associazioni ad organizzare il Sardinia Reggae Festival sono diversi: la grande passione per la musica Reggae, il desiderio di creare nuove ed interessanti attività sociali per l’isola, ma sopratutto l’idea comune di far diventare la Sardegna il punto ideale per la crescita del reggae e per lo scambio con realtà internazionali.”
    “Il progetto dell’Ass.Cult. Sardinia Reggae è quello di mettere in atto un importante scambio culturale e di creare un grande ponte virtuale tra Sardegna, Europa e Jamaica, permettendo a tutto il pubblico europeo ed extraeuropeo di conoscere storia, tradizioni e cultura sarda ed al pubblico italiano, di approfondire cultura e storia della musica reggae nazionale ed internazionale.”

    Noi chiediamo: che tipo di scambi? Che tipo di cultura? Noi immaginiamo scambi fra comunità internazionali all’insegna della condivisione, del riconoscimento reciproco delle differenze, delle lotte, non certo all’insegna della comune condivisione e dell’odio contro gay e lesbiche!
    Chiediamo al Sardinia Reggae Festival di prendere una posizione chiara e netta:
    ANNULLATE IL CONCERTO DI CAPLETON, non pensiamo che non foste a conoscenza di tutto questo, ma in ogni caso prendete posizione contro e fatelo adesso, come altrove, in più occasioni, è stato fatto!!!

    Invitiamo tutte e tutti a scrivere agli organizzatori del Festival per chiedere l’annullamento del concerto:
    sardiniareggaeufficiostampa@hotmail.it

    Colletivu S’Ata Areste

Comments are closed.